scopri ISMO 2 offerta e metodologie 2 impresa culturale 2 percorsi professionali 2

Camminare! In cammino attraverso luoghi e tempi per incontrare se stessi

«Camminare significa aprirsi al mondo. L’atto del camminare immerge in una forma attiva di meditazione che sollecita la partecipazione di tutti i sensi» ha scritto David Le Breton, «si cammina per nessun motivo, per il piacere di gustare il tempo che passa, per scoprire luoghi e volti sconosciuti, o anche, semplicemente, per rispondere al richiamo della strada. Camminare è un modo tranquillo per reinventare il tempo e lo spazio. Prevede una lieta umiltà davanti al mondo».

Abbiamo immaginato di utilizzare il cammino come un vero e proprio laboratorio di sviluppo personale e relazionale. Grazie a 40 anni di esperienza nel campo della formazione, ha progettato un cammino introspettivo, ma anche di condivisione e di relazione. Saranno tre giornate di lavoro su di sé, con gli altri, per imparare a conoscersi, ri-conoscersi e scoprirsi.

Camminare non è avere una meta sicura – sostiene Duccio Demetrio e quindi il cammino diventa una forma di scoperta. Il camminare è sempre stato una necessità, ma anche la prima forma di esplorazione, dove attraversare un territorio significava venire in contatto con esso e provare a conoscerlo intimamente. E conoscere e attraversare un territorio era anche un modo per conoscere se stessi più profondamente. Non è un caso, infatti, che già i filosofi greci sostenessero che deambulare, camminare fosse il vero rimedio per i mali dell’anima.

Le tappe
Il percorso si svilupperà in due tappe: il 23 e 24 giugno lungo un tratto della via Francigena, dal Gran San Bernardo ad Aosta, passando per Echevennoz; il 5 luglio, a Milano, in un percorso tra Piazza del Duomo, Santa Maria delle Grazie e Sant’Ambrogio.

L’obiettivo fondamentale è quello di riscoprire e di riappropriarsi dei propri tempi di vita e dei propri luoghi per renderli abitabili.

camminare

Il percorso si svilupperà in due tappe in luoghi differenti: campagna e città.

L’obiettivo fondamentale è quello di riscoprire e di riappropriarsi dei propri tempi di vita e dei propri luoghi per renderli abitabili.
Il cammino, l’andare, il vagabondare consente l’esplorazione di più dimensioni, sia interne che esterne:

  • Sentire e avere consapevolezza del proprio corpo, della propria mente e del proprio spirito: è dunque un’esplorazione verticale dell’interno di se stessi,
  • ncontrare il mondo, guardare e farsi penetrare dal mondo, riscoprire, attraverso la dimensione estetica, la vicinanza, la continuità fra noi e le cose. Gli oggi sono parte di noi e della nostra vita, vanno maneggiati con cura.
  • Incontrare i compagni e le compagne di viandanza: riconoscere differenze e somiglianze, allenare tolleranza e gratitudine.
  • Ridare vita e abitabilità con il mio sguardo ed il mio pormi anche a spazi che sembrano anonimi o ‘brutti’: la moderna flanerie alla riscoperta della lentezza per saper vedere, ascoltare, fare silenzio.

Metodologia
Camminare e sostare. Il cammino sarà accompagnato da momenti di sosta e di esercizi di meditazione di consapevolezza (mindfulness), di scrittura biografica ed autobiografica, di letture poetiche silenti e ad alta voce, di espressione con materiali d’arte.
Data
23-24 giugno – 5 luglio 2017

Costo
€ 600 + iva